L’evoluzione della società umana, anzi della storia umana, è costellata di miti e leggende, ma anche di guerre e mercenari. Oggi parliamo degli ex lancieri tedeschi, che in parte conosciamo, ma non con questo nome.

In realtà gli ex lancieri tedeschi erano chiamati ulani nella lingua franca. L’ulano era un soldato che viaggiava e combatteva a cavallo. Ricoperto di un’armatura pensate che usava in battaglia e con molte armi a sua disposizione. Armi che sapeva usare al meglio.

Cavalieri del medioevo

Per capire chi erano gli ex lancieri tedeschi dobbiamo tornare nel medioevo. I cavalieri a cavallo erano personaggi tipici che si vedevano nelle città. Protagonista nelle guerre che contraddistinguevano le città e perfino tra i popoli. In questa epoca buia non esistevano Nazioni oppure regioni, ma feudi e popoli.

In Italia c’erano i cavalieri. Nel resto d’Europa e nel territorio che oggi è conosciuto come “Germania” esistevano i lancieri, chiamati ulani. In quest’area geografica era poi presente il popolo dei Franchi.

C’è da dire che se anche oggi vediamo il cavaliere medioevale come un eroe, in realtà esso era un semplice mercenario. Molti cavalieri, diventati poi nobili o spose di ricche donzelle, erano di umile estrazione sociale. Loro tentavano la scalata e la conquista di terre, fama e ricchezza, combattendo nelle guerre che vi erano. Solo che non li muoveva il patriottismo, ma il il denaro.

Che posizione sociale ricoprivano?

Prima di arrivare ad essere un lanciere tedesco occorreva farsi un nome, acquistare una fama. Per far ciò era importante che facessero una “gavetta” di combattimento. Si poteva partire come scudiere o semplice soldato. In base alle battaglie vinte in gruppo o da solo, poteva iniziare a sfidare dei cavalieri per arrivare poi ad essere assoldato, come un qualsiasi mercenario, da parte di nobili e feudi.

Solo dopo che aveva la protezione di qualche nobile, che rimaneva legato al cavaliere per averlo salvato da qualche guerra o assalto di altri nemici, diventava un lanciere. A questo punto poteva ambire a sposare nobili donzelle oppure avere un feudo tutto suo.

Ex lancieri tedeschi, come si chiamavano?

Mentre i cavalieri o lancieri italiani venivano chiamati semplicemente “cavaliere”, il lanciere tedesco portava il nome di ulano. Cosa significava questo termine? Si tratta di un soldato d’esperienza a cavallo. Proprio la lotta a cavallo era una delle sue tecniche di combattimento. Aveva poi una serie di armi che portava con sé. Cavalcava vestito di un’armatura dove poteva avere degli stemmi che erano dati da qualche nobile protettore o che si era conquistato negli anni.