Tra tutti i lavoretti fai da te, da sempre quelli in pasta di sale sono tra i più utilizzati, soprattutto quando si deve pensare a un’attività da svolgere insieme ai bambini, a casa o a scuola.  La pasta di sale, infatti, è un composto facilissimo da ottenere con gli ingredienti che già si hanno in casa, e permette di dare vita a tantissimi oggetti originali.

Inoltre, grazie al sale presente nella ricetta, non ci sarà nessun rischio che l’oggetto si rovini o si ammuffisca: una volta asciutto e indurito, durerà per sempre senza nessun danno.

Andiamo a scoprire la ricetta migliore per preparare una perfetta pasta di sale, ma anche le tecniche di conservazione e di pittura necessarie per ottenere dei lavoretti perfetti!

Che cos’è la pasta di sale: ricetta e conservazione

La pasta di sale è un composto che si crea con acqua, sale e farina: se questi tre ingredienti si dosano alla perfezione, infatti, permettono di ottenere una pasta morbida e facilmente modellabile, che non si sbriciola e non si spezza.

Nonostante si tratti di un preparato a base di ingredienti da cucina, la pasta di sale non è commestibile e si realizza esclusivamente per la realizzazione di oggetti decorativi. Per preparare un’ottima pasta di sale, la ricetta è:

  • 2 tazze di farina
  • 1 tazza di sale fino
  • mezzo bicchiere d’acqua (circa 125 ml)

Una volta procurati questi tre ingredienti, si versa per prima cosa la farina con il sale in una ciotola capiente, e poi un po’ per volta si aggiunge l’acqua mentre si mescola con le mani. Il tutto si lavora fin quando non si ottiene un impasto perfettamente asciutto e corposo, che non sia né troppo duro né troppo appiccicoso.

Una volta ottenuta la composizione giusta, la palla di impasto va posizionata sul piano di lavoro (precedentemente infarinato) e a questo punto si può procedere a creare le forme e gli oggetti desiderati.

Mentre si dà sfogo massimo alla creatività, bisogna iniziare a preriscaldare il forno in cui andremo a cuocere i nostri lavoretti: lo accendiamo a 120° e, una volta che siamo soddisfatti della nostra creazione, la posizioniamo su una teglia foderata in carta da forno e lasciamo il tutto all’interno il tempo necessario per asciugare completamente l’oggetto.

In alternativa si potrebbe anche lasciare asciugare all’aperto l’oggetto in pasta di sale, ma di solito è sconsigliabile perché i tempi di attesa sono molto più lunghi, e perché necessita in questo caso di un ambiente asciutto ma ventilato che non sia però l’esterno.

Se, invece, avete preparato la pasta di sale ma non volete cimentarvi subito nel creare, potete conservarla dentro un sacchetto per alimenti e riporla all’interno del frigo.  

Quando sarà il momento di lavorarla, andrà estratta mezz’ora prima in modo che non sia troppo dura, oppure si può immergere il sacchetto in acqua calda per qualche minuto, così da riportare la pasta a temperatura ambiente.

Cosa si può creare con la pasta di sale

Con la pasta di sale si può creare qualsiasi cosa: statuite, arredi delle forme più varie, decorazioni per l’albero di Natale, ciondoli per collane, orecchini o braccialetti. Il consiglio, di solito, è preparare oggetti non troppo grandi, perché più sono piccoli più sarà rapida la cottura.

Per quanto riguarda le tecniche di creazione, anche qui le possibilità sono molte: i più esperti potranno modellare gli oggetti direttamente con le mani, mentre se siete alle prime armi, o volete creare qualcosa di particolare, potete usare stampi di acciaio o di silicone, ma anche i cutter per i biscotti.

Esistono anche, in vendita online o nei negozi di giochi, kit già pronti con formine varie e attrezzi per le vostre creazioni in pasta di sale.

Inoltre, ricordate che la pasta di sale è anche colorabile con molta facilità! Le opzioni sono due: o si aggiungono i colori (acrilici o coloranti alimentari) direttamente all’impasto, oppure dopo la cottura si può colorare l’oggetto con le tempere.