Il fiore della passione appartiene al genere botanico della Passiflora, a sua volta parte della famiglia delle Passifloraceae. La specie è originarie dei territori subtropicali e del centro America e si snoda in oltre 600 sottocategorie ognuna delle quali differente tra loro. La Passiflora viene chiamata anche fiore della passione, ma per quale motivo e quali caratteristiche comprende? Andiamo ad approfondire l’argomento nel corso dei paragrafi successivi.

Passiflora: caratteristiche della specie

La Passiflora appartiene al genere sempreverde e rampicante, utilizzata soprattutto in campo ornamentale per l’impatto scenografico creato dalla sua fioritura. La base della corolla del fiore della passione si presenta in modo complesso, caratterizzata da petali di colore bianco e una corona formata da filamenti sottili multicolori: porpora, bianca e azzurra. L’unica specie che si adatta alla coltivazione in vaso è la Passiflora coerulea, mentre il resto delle tipologie richiede spazi più ampi e superfici dove potersi arrampicare.

Forma e fusto della Passiflora variano di dimensione a seconda delle specie, a sezioni circolari, triangolari, quadrangolari, poligonali. La Passiflora a coltivazione esterna tende a produrre dei cespugli particolarmente fitti in grado di raggiungere altezze importanti. Nella maggior part dei casi la Passiflora viene utilizzata per la copertura dei pergolati. L’apparato radicale della pianta raggiunge profondità elevate, mentre le foglie e i fiori possono presentare caratteristiche differenti a seconda delle varietà.

Specie della Passiflora

Elencare tutte le specie della Passiflora risulta impossibile, ma è si possono elencare le più famose dedite alla coltivazione in vaso e più prevalentemente all’esterno. La Passiflora coerulea è una specie originaria del Perù e del Brasile, a portamento rampicante in grado di adattarsi alle superfici con una fioritura estiva. La Passiflora incarnata è originaria del centro America, caratterizzata da grandi fiori di colore bianco-violaceo. La Passiflora quadrangularis, originaria del Brasile, presenta fiori particolarmente grandi di colore bianco con petali rossi, filamenti variabili in colorazioni blu, bianche o rosse.

Le specie del fiore della passione che producono frutti commestibili sono la Passiflora edulis, in grado di raggiungere fino ai 7 metri di altezza, la Passiflora Laurifolia, Passiflora maliformis, Passiflora antioquiensis, Passiflora coccinea, Passiflora nitida. Il fiore evoca immagini e origini strettamente collegabili al mondo dell’erotismo e della sensualità, mentre i frutti sono considerati da sempre dei veri e propri elisir afrodisiaci. La Passiflora è in grado di resistere a temperature mai al di sotto dei 5 gradi, presentando una fioritura stagionale estiva di particolare impatto scenografico, ad altezze importanti.