Quali sono le varietà di pane più famose d’Italia? Alcuni degli impasti e delle lavorazioni più caratteristiche, a seconda delle diverse regioni e territori, risulta rinomata in tutta la penisola, integrando una storia antica tramandata di generazione in generazione. Il pane, come la pasta, rappresenta uno dei capi saldi dell’alimentazione italiana dimostrandosi allo stesso tempo una delle ricette più antiche e longeve della storia. Le preparazioni del pane si dimostrano varie e impreziosite dalle caratteristiche farine presenti nei vari luoghi di origine.

Varietà di Pane: le origini alla base della ricetta

Il pane risulta essere una delle preparazioni più antiche della storia gastronomica italiana, al centro dell’alimentazione odierna, disponibile sotto vari impasti, farine e preparazioni specifiche. La storia di questo alimento affonda le proprie radici in concomitanza con la comparsa dell’uomo nel passaggio da nomadi a stanziali.

Decidendo di trovare una fissa dimora dove crescere le proprie famiglie anche le popolazioni nomadi cercarono di trarre dalla terra una fonte di sostentamento alimentare oltre alla caccia. La prima versione del pane era rappresentata dalla coltivazione dei cereali tritati successivamente a formare un composto simile alla farina odierna, sottoposti ad un impasto con acqua e al risultato finale di una sorte di pane azzimo.

Varietà di Pane: tutte le tipologie più famose

Ogni regione d’Italia conserva diverse ricette e metodi relativi all’impasto e alla cottura del pane. Tramandate da secoli molti delle varietà di pane sono sopravvissute ai giorni nostri, rinomate a livello nazionale e internazionale. Tra le diverse varietà si trovano la focaccia genovese, a base di farina di grano tenero, olio extravergine di oliva, acqua, sale e lievito di birra, adattandosi a molteplici preparazioni consumabile sia singolarmente che farcita.

Altra varietà famosa consiste nella pagnotta toscana, caratteristicamente privo di sale aggiunto all’impasto, dimostrandosi croccante all’esterno e dorato, particolarmente soffice all’interno. Altro pane rinomato consiste nella michetta lombarda a forma caratteristica di stella a base di farina, acqua, malto e lievito, utilizzato soprattutto nelle preparazioni dei buffet salati. Il pane di Terni viene invece realizzato a base di farina di grano tenero, acqua, sale, lievito di birra e lievito acido, nella forma più comune a filoncino.

Particolarmente famoso anche il casereccio di Genzano Igp a base di farina di grano tenero, lievito naturale, acqua e sale, sotto una particolare lievitazione in casse di legno e teli di canapa. Dalla Sardegna il pane Carasau si dimostra conosciuto in tutta Italia dimostrandosi particolarmente sottile e croccante. Infine il pane di Altamura Dop pugliese il quale presenta un bozzo sulla sua sommità, presentandosi croccante all’esterno e soffice all’interno.