Pitturare una casa prima di traslocare

Entrare in una nuova casa è una entusiasmante esperienza di vita che – però – poche persone descrivono come “divertente”. Una volta trovata la migliore società di traslocatori Roma, infatti, bisogna anche organizzare altre attività come la pianificazione, l’imballaggio, la pulizia, e così via.

Una volta arrivati nella nuova casa, avete inoltre di fronte a voi ancora più sfide. È proprio per questo motivo che è opportuno organizzarsi adeguatamente, evitando di cadere nell’illusione di “pensarci dopo”, intendendo per tale momento quello dopo che vi sarai sistemato. Dopo la sistemazione è semplicemente tardi: potreste non avere il budget o il tempo per agire, con la conseguenza di rimandare a tempo indeterminato i vostri progetti.

Insomma, il trasloco è un progetto di vita davvero importante, e se ne avete l’opportunità la cosa migliore da fare è certamente quella di ricorrere a una società esperta in traslochi, che vi permetterà di abbattere le difficoltà, rendendo molto più semplice questo passaggio fondamentale della vostra esistenza.

Detto ciò, appare chiaro come uno degli aspetti che dovreste cercare di curare prima di entrare nel nuovo appartamento è legato alla pittura delle pareti. Sia che facciate il lavoro tutto da soli, sia che abbiate avuto l’accortezza di assumere che possa farlo per voi, appare chiaro considerare come sia molto più semplice dipingere una stanza vuota, piuttosto che dipingere una stanza in cui ci sono mobili, accessori e altri elementi che finirebbero con il rendere molto più complicata l’operazione di pittura. Pitturare una stanza vuota significa evitare di spostare mobili, togliere i tendaggi, svuotare gli armadi o rimuovere quadri e specchi dalle pareti.

Insomma, se non fosse sufficientemente chiaro, il nostro consiglio è quello di agire con particolare anticipo e comunque prima del trasloco. Organizzate dunque l’operazione diversi giorni prima del trasloco, riverniciando con tutta calma, soprattutto se avete intenzione di fare il lavoro da solo. Questo tipo di impiego richiede sempre più tempo di quanto pensiate, e raddoppiare le proprie stime è sempre una abitudine opportuna. In alternativa, assumere una ditta specializzata nella pittura delle pareti: probabilmente in pochi giorni (2-3) l’intera vicenda potrà risultare chiusa.

E se siete particolarmente indecisi sul colore delle pareti? Considerato che dipingere anche una parte della casa prima di trasferirvi può essere un ottimo risparmio di tempo, se proprio non riuscite a scegliere i giusti colori, dovete solo dipingere un bianco pulito, un beige piuttosto chiaro o un altro colore di sfondo che amate, a seconda di ciò che “funziona” meglio con i vostri mobili e le combinazioni di colori.

Una volta che il patching principale, il lavoro di assetto e le mani di base sono applicate, potrete finalmente aggiungere anche un altro colore della parete in un secondo momento, risparmiando molto tempo rispetto a prima.

In sintesi, ridipingere le pareti prima di poter effettuare il trasloco è un’operazione quasi obbligata, a meno che non siate così fortunati da poter “sbarcare” in un appartamento che non richiede questo genere di manutenzione preventiva: intervenire dopo il trasloco sarà molto, molto più complicato!