Alcuni animali vanno in letargo per alcuni mesi dell’anno. Il letargo è un intelligente stratagemma che la natura usa per fare sì che gli animali possano riposarsi e vivere anche quasi senza mangiare.

Il letargo non è semplicemente un sonno invernale, perché dura anche mesi. Inoltre esso comporta delle modifiche importanti al corpo dell’animale, infatti la temperatura del corpo si abbassa a 10-15 gradi, e l’apparato digerente rimane inattivo, la sensibilità corporea si abbassa al minimo. L’animale prima di andare in letargo si procura il cibo che gli serve per sopravvivere nel corso di un lungo e freddo inverno nel quale le provviste non saranno facili da trovare.

In sostanza quindi il letargo è un meccanismo di auto difesa che permette agli animali di difendersi dal freddo e dalla mancanza di prede e cibo, senza soccombere nel corso dell’inverno.

L’animale che passa più tempo in letargo è il ghiro, che dorme per sei mesi.

Gli animali nel corso del letargo mangiano?

No, gli animali che vanno in letargo, come appunto il ghiro, non mangiano nulla per tutto quel periodo. Dobbiamo però considerare che prima di andare in letargo questi animali mangiano molto, facendo scorta di energia, e il loro corpo nella fase invernale abbassa la temperatura e la sensibilità, è come se andasse in stand by quindi consuma pochissima energia.

Gli animali passano questi mesi semplicemente dormendo, senza fare altro, incluso mangiare. Grazie alla particolare capacità di andare in letargo questi animali riesco ad ibernarsi e quindi a dormire senza rendersi conto né del freddo, della pioggia o degli stimoli della fame. La temperatura del corpo si abbassa esponenzialmente, la frequenza respiratoria fa lo steso. Il corpo per continuare le sue funzioni usa le riserve di energia che nel corso delle stagioni calde sono state immagazzinate. Il sonno del letargo è davvero estremamente profondo tanto che gli animali possono sembrare morti: inoltre è stato dimostrato che essi non hanno più bisogno fisiologici come quelli della sete, fame, defecazione, freddo. L’animale, grazie alle sue riserve di grasso, è in grado di affrontare serenamente la stagione fredda senza problemi. Poi al risveglio sarà magro e denutrito.

Alcuni animali, come gli orsi, vanno in semi-letargo, cioè ogni tanto si svegliano per andare alla ricerca di cibo. Altri, come i ghiri, vivono interi mesi di letargo senza svegliarsi e senza bisogno di mangiare, e solo al risveglio cominciano ad andare alla ricerca di cibo.