Il trading online appassiona un numero di persone ogni giorno più grande. Soltanto in Italia si stima la presenza di almeno 6 milioni di investitori abituali: utenti che si connettono quotidianamente a un broker online per comprare, vendere o scambiare asset. Non a caso si registra una crescita considerevole anche dei broker, ovvero le piattaforme che, previa iscrizione, rendono il trading tecnicamente possibile: quelli riconosciuti sono più che raddoppiati a partire dal 2014.

L’attenzione verso le negoziazioni digitali è in continua crescita. Sono infatti sempre di più gli utenti che scelgono di avvicinarsi a questa attività. Per iniziare, però, è importante acquisire almeno le competenze di base per operare in sicurezza. A tal proposito, un aiuto arriva dalla guida che spiega cos’è il trading online presente su Tradingonline.net, portale specializzato nel campo della formazione finanziaria.

Gli asset su cui è possibile investire sono numerosi. Tra questi si distinguono, ad esempio, azioni, obbligazioni, criptovalute, materie prime, ciascuno con delle caratteristiche diverse. Dunque, prima di lanciarsi nell’acquisto di un asset, è molto importante avere bene a mente di che tipo di strumento finanziario si tratti.

Fondamentali del trading online

Per potere investire in maniera consapevole è fondamentale avere ben chiaro a mente l’obiettivo principale del trading online: lo scopo condiviso da tutti gli investitori del mondo, a prescindere dall’esperienza, le competenze e il budget del singolo. Questo obiettivo consiste nel trarre guadagno dalla compravendita di asset ed è reso possibile da un altro principio fondamentale delle negoziazioni digitali. In finanza infatti il prezzo degli asset tendenzialmente non è fisso: al contrario è variabile e dunque può sia scendere che salire, in base a tutta una serie di input esterni.

Le motivazioni che possono influenzare l’andamento degli asset sono moltissime: possono riguardare tanto l’economia quanto la politica; possono essere legate al mercato di riferimento dell’asset in questione, ma anche provenire da settori apparentemente lontani. Un trader deve riuscire a intercettare questi input (se possibile, prima della concorrenza), li deve interpretare in maniera adeguata e poi deve orientare di conseguenza le proprie operazioni. Ad esempio, è possibile ottenere un guadagno comprando un asset a un prezzo “X” e poi rivendendolo a un prezzo superiore “Y”.

Gli asset più interessanti del momento

Arrivati a questo punto non resta che capire quali siano gli asset più interessanti su cui investire in questo momento. Il primo nome in tal senso è senza ombra di dubbio “criptovaluta”: lo strumento finanziario che ha rivoluzionato il trading online negli ultimi dieci anni. In questo momento storico le Borse pullulano di crypto di valore: dai nomi storici (Bitcoin, Ripple, Ethereum), fino ad arrivare a nuove realtà emergenti (Solana, Dogecoin).

Per altro è bene sottolineare che è possibile investire in criptovaluta anche se non si dispone di un budget straordinario: esistono infatti soluzioni come i CFD (Contracts For Difference), che permettono il trading evitando la compravendita diretta. Per iniziare a comprare, vendere o scambiare valuta digitale non bisogna fare altro che trovare il broker online più adatto alle proprie esigenze. Una piattaforma che consenta l’accesso alla crypto desiderata e che proponga condizioni d’uso e modalità operative in linea con il proprio profilo finanziario. Le condizioni d’uso possono riguardare i costi di commissione o la cifra di deposito minimo prevista dal sito di trading. Un buon esempio di modalità operativa è invece il Conto Demo: una sorta di simulazione di investimento, perfetta per fare pratica con gli strumenti finanziari senza rischiare di perdere il proprio budget.