Chi abita in un condominio sa che convivere con altre persone non è mai semplice, soprattutto quando si hanno dei vicini rumorosi. Se le pareti e i soffitti sono finissime si rischia di ritrovarsi con una stanza da letto nella quale vengono amplificati tutti i suoni.

Isolare una stanza e voler dormire indisturbati, è uno dei motivi per porre fine ai rumori che ci circondano e disturbano il sonno. La prima cosa da fare prima di procedere è individuare i tipi di rumori che possono essere voci, musica, pianti, i passi dei vicini poco delicati nel camminare o nello spostare l’arredamento, o quelli che derivano dalla struttura dell’edificio e dalle tubature.

Non appena avrete individuato la natura del rumore, si potrà cercare la soluzione più adatta e procedere con la scelta del tipo di isolamento da praticare. Chi desidera avere un lavoro fatto bene e professionale può rivolgersi ad un esperto del settore ma anche il fai da te non è niente male, se si segue qualche giusto consiglio pratico.

Come fare per insonorizzare una stanza e quali materiali scegliere?

Se l’ambiente è ampio si può realizzare un muro di cartongesso utilizzando due rivestimenti divisi da un foglio di attrezzatura isolante come il polistirolo o la gommapiuma, la lana di vetro o di roccia che sono meno ecologiche.

Il sughero, è anche un altro materiale buono per insonorizzare una stanza, per la sua funzione di assorbimento dei rumori. Ecologico ed economico, si trova sul mercato sottoforma di lastre applicabili facilmente sulle pareti.

Non rientra tra le soluzioni più appetibili, ma anche il cartone delle uova può essere adagiato alle pareti ed al soffitto. Il materiale che lo compone assorbe e attutisce qualsiasi rumore, soprattutto la musica. Si applica mettendo la parte che contiene le uova, quella concava, rivolta verso la camera, e il lato convesso si applica alla parete con del nastro isolante o colla.

Ovviamente sarebbe opportuno insonorizzare un ambiente intervenendo anche sul pavimento e gli infissi in alluminio, PVC o legno così da ottenere un totale isolamento dai suoni esterni e un maggiore riposo notturno.

Prezzi e tempistiche

Come abbiamo detto prima, affinché una stanza risulti bene insonorizzata da qualsiasi rumore molesto, occorre intervenire sulle pareti, sul soffitto, sugli infissi e sul pavimento. I prezzi variano anche a seconda dei materiali che vengono utilizzati. Il più economico in assoluto è il sughero o il polistirolo espanso, che hanno una resa ottimale ma non eccellente.

I preventivi per un lavoro di intervento, vengono calcolati al metro quadrato e si aggirano intorno ai 3000/4000 euro se ci si rivolge ad un imbianchino-muratore esperto in materiali di isolamento, come cartongesso, e la tempistica varia a seconda della metratura della stanza. Se si decide di chiedere aiuto a una ditta specializzata in isolamento acustico, invece si possono raggiungere anche i 9000 euro.

Per isolamenti realizzati con lastre di elementi differenti lana di vetro, sughero e cartongesso, il prezzo è molto più alto perché oltre a insonorizzare la stanza si otterrà un beneficio sulla regolazione della temperatura eliminando i fastidiosi sbalzi tra ambiente interno e ambiente esterno.