Le Dolomiti sono uno dei luoghi che il mondo invidia di più all’Italia, e le vette e le rocce nascondono dei panorami davvero indimenticabili. Una delle destinazioni più belle, che attira sempre più turisti, è il Lago di Sorapis, che ultimamente ha conosciuto una fama sempre maggiore grazie anche al passaparola dei social.

Si tratta di uno spettacolare laghetto dalle acque turchesi, incastonato tra le rocce a quasi 2.000 metri di altezza: raggiungibile solo a piedi con un’escursione, è un luogo incantevole che conquista. La particolarità del Lago di Sorapis è proprio la sua acqua glaciale: normalmente è di uno splendido colore turchese, ma in base a come cambia la luce cambia anche la sfumatura della superficie, dando al lago un colore sempre diverso.

Andiamo a scoprire insieme dove si trova il Lago di Sorapis, come arrivare e qual è il periodo migliore per visitarlo.

Dove si trova il Lago di Sorapis e quando visitarlo

Il Lago di Sorapis appartiene alla provincia di Belluno ed è situato tra la località di Misurina e la cittadina di Cortina d’Ampezzo, in particolare vicino al Passo Tre Croci, che è dove inizia il sentiero più famoso per raggiungerlo.

Situato a circa 150 metri dal Rifugio Vandelli, il lago è di origine glaciale, sorge a 1.900 metri ed è sovrastato da magnifiche montagne, tra cui spiccano il monte Sorapis (3200 m) e il Dito di Dio (2600 m).

Proprio grazie alle sottilissime polveri di roccia bianca che scendono dai ghiacciai, la primavera e l’estate si forma questo lago dall’acqua purissima, conosciuto per le sue tonalità intense che vanno dall’azzurro al verde acqua, che spiccano ancora di più grazie alle rocce pallide che lo circondano.

Proprio per questo motivo, vogliamo specificare che il lago ha assoluto divieto di balneazione: anche se molti turisti che lo raggiungono sembrano considerarlo un luogo di villeggiatura, il Lago di Sorapis è un vero e proprio santuario naturale, e come tale va rispettato non lasciando rifiuti e evitando di inquinare l’acqua bagnandosi dentro.

Quello che si può fare, invece, è scegliere un buon punto d’osservazione e godersi il lago in tutta la sua bellezza: si può scegliere di seguire il sentiero che fa tutto il giro del bacino, ci si può rilassare sulla piccola spiaggia o salire su un pendio per ammirare l’acqua dall’alto.

Poiché si tratta di un lago che si forma con lo scioglimento dei ghiacciai, bisogna valutare il momento più adatto per visitarlo: l’estate sarebbe il periodo migliore, anche se è davvero molto affollato e si possono creare anche code sul sentiero.

Un’ottima alternativa è visitare il lago in tarda primavera/inizio estate e in autunno, quando i larici intorno al lago diventano arancioni regalando uno spettacolo da sogno: in questi periodo il percorso è sicuramente meno frequentato, ma il tempo è più incerto e il lago meno carico d’acqua.

Lago di Sorapis: come arrivare

Per raggiungere il Lago di Sorapis bisogna, prima di tutto, arrivare sul Passo Tre Croci (tra Cortina d’Ampezzo e Misurina) o in macchina, o tramite l’autobus che ferma a circa 150 metri dall’inizio del percorso.

Dal passo, si dovranno percorrere i circa 6 km di cammino del sentiero 215 che, in paio di ore a passo moderato, permette di raggiungere il Lago di Sorapis. Attenzione: si tratta di un vero e proprio sentiero di montagna, quindi è fondamentale attrezzarsi con abbigliamento adatto prima di percorrerlo – soprattutto usando scarpe adatte – e in due punti il percorso è molto esposto sul burrone, tanto che ci sono delle corde metalliche per aiutarsi nella salita, scalette e ponticelli. 

Non è pericoloso e non è una via ferrata, quindi è un tratto percorribile da tutti, ma se soffrite di vertigini potrebbe non essere un sentiero adatto a voi.