Si sa, la moda cambia spesso, e l’ultimo trend è sempre dietro l’angolo. Questo vale anche per le unghie: dopo ovale e stiletto, infatti, ecco che torna alla ribalta la ricostruzione delle unghie rotonde, una forma che aiuta molto otticamente a rendere la mano affusolata e che non è mai fuori moda grazie alla sua estrema somiglianza con l’unghia naturale.

La forma dell’unghia rotonda è perfettamente adatta a conferire alla mano molta delicatezza, ed è ideale per chi ama le unghie ricostruite ma preferisce mantenere un look elegante e non troppo appariscente. Inoltre, la forma tonda è particolarmente consigliata a chi ha naturalmente le unghie corte, anche se questo non toglie che possano essere applicate anche a chi ha le proprie unghie piuttosto lunghe.

Tecniche di ricostruzione per le unghie rotonde

Quando bisogna applicare le unghie tonde all’unghia naturale, è possibile utilizzare la tecnica della ricostruzione in tre opzioni diverse: allungamento con acrilico, con le tip o con il gel.

Andiamo a scoprirle nel dettaglio.

  1. Ricostruzione unghie tonde con gel. Si tratta della tecnica che viene utilizzata maggiormente, comoda per avere le mani sempre impeccabili, curate ed eleganti. Il prodotto fondamentale è, appunto, il gel, che tramite alcuni passaggi va esteso su tutta l’unghia per poi essere successivamente indurito e fissato attraverso l’esposizione ai raggi UV. La forma rotonda viene data all’unghia nella prima fase grazie all’uso della lima, e dopo aver arrotondato per bene tutti i lati si procede a disinfettare le mani, applicare il primer, il gel, l’esposizione alla lampada UV e la sgrassatura finale.
  2. Ricostruzione unghie tonde con tip. In questo tipo di ricostruzione si utilizzano delle tip, ovvero delle applicazioni sull’unghia naturale di una plastica modellabile, che può essere scolpita nella forma e nella lunghezza preferita. Normalmente la tip base è di plastica bianca, ed è disponibile in diverse misure, proprio per far si che si adattino perfettamente alla larghezza dell’unghia naturale, così da ottenere un effetto quanto più naturale possibile. Dopo averle incollate e avergli dato la forma tonda, si procede alla stesura del gel e alla relativa polimerizzazione all’interno della lampada Uv.
  3. Ricostruzione unghie tonde con acrilico. Questo procedimento è molto simile al quello usato per la ricostruzione in gel, con la differenza che in questo caso vengono usati dei prodotti chimici che rendono il risultato meno naturale, soprattutto se non si applica il tutto in modo corretto. Inoltre, i prodotti usati risultano più aggressivi, perché nascono per rendere la ricostruzione più resistente ai traumi e agli urti, e quindi potrebbero andare a rovinare le unghie più deboli. Il lato positivo è che, rispetto alle altre sostanze, l’acrilico è molto più versatile, si può lavorare con maggiore facilità e permette di realizzare dei veri e propri capolavori artistici. Inoltre, non ha bisogno di una polimerizzazione, perché la sostanza viene fatta reagire con un liquido, e si solidifica solamente a contatto con l’aria.

I costi della ricostruzione

I costi variano molto in base al tipo di materiali utilizzati, a quanto decorata si vuole l’unghia.  In linea di massima l’acrilico generalmente è più economico rispetto alla ricostruzione con il gel: i prezzi del primo vanno da 30 a 50 € circa, mentre la seconda può costare da 40 a 60 euro. Una buona ricostruzione con tip, invece, parte solitamente da 25 € circa.