Uno dei problemi più comuni e che incide, negativamente, sulla qualità della nostra vita è il mal di testa. Il mal di testa può presentarsi sotto diverse forme e non sempre ha una causa comune a scatenarlo. Le cause possono essere molteplici e richiedono soluzioni mirate e specifiche.

Non tutti vogliono affidarsi al farmaco e sono alla continua ricerca di soluzioni naturali o rimedi poco invasivi, per cui sarà nostra premura spiegare in questo articolo come scegliere il miglior rimedio naturale al vostro problema. Innanzitutto occorre individuare la tipologia di mal di testa in base alla localizzazione e l’intensità del dolore, fatto ciò sarà possibile trovare il rimedio adeguato.

Mal di testa comune o cefalea primaria

Se la tua è una cefalea classica la causa potrebbe essere la mancanza di sonno, la disidratazione, la fame o una cattiva digestione e dunque potresti iniziare bevendo dell’acqua, mangiando un boccone e affidandoti ad un buon riposo. È altresì appurato che il buio aiuta ad alleviare il mal di testa poiché alcuni tipi di luce stimolano aree del cervello preposte alle risposte emotive e fisiologiche di ciò che ci circonda.

In nostro aiuto, per facilitare il decorso del dolore, potrebbero accorrere tisane o estratti di piante della famiglia delle asteraceae (camomilla, partenio, assenzio, ecc) che oltrea inibire le molecole infiammatorie ci aiutano a produrre serotonina. Zenzero, olio essenziale di menta e lavanda sortiscono, anche se con modalità differenti, un effetto rilassante e analgesico simile.

Cefalea a grappolo

La cefalea a grappolo è una delle forme più gravi di cefalea con dolore intenso e spesso con attacchi acuti intermittenti in diverse aree del cranio. Tra i fattori scatenanti è stato individuato una disfunzione dell’ipotalamo che regola l’orologio biologico e giustifica, dunque, il perché questo tipo di cefalee siano anche stagionali o periodiche. Tra i rimedi naturali più comuni troviamo caffè e limone che contrastano la vasocostrizione, tipica delle cefalee, favorendo un afflusso di sangue adeguato al cervello. Altri vasodilatatori naturali sortiscono lo stesso effetto alleviando la pressione cranica e di conseguenza il dolore.

Una passeggiata all’aria aperta, in aree verdi e pulite, potrebbe altresì favorire la riduzione del dolore sfruttando il maggior afflusso di sangue e ossigeno alle parti interessate. La cefalea a grappolo non va sottovalutata e se persiste è opportuno consultare un medico che valuterà la gravità del vostro problema.

Cefalee muscolo tensive

Le cefalee muscolo tensive sono in forte aumento nella popolazione e tra queste possiamo elencare i mal di testa provocati da artrosi cervicale, sinusite o tensioni muscolari del trigemino o di altri muscoli facciali e del cranio. Prima di ricorrere a qualsiasi rimedio è opportuno praticare dello stretching per aiutare i muscoli a rilassarsi o a ritornare in una posizione più naturale.

Fatto ciò, massaggiare l’area interessata con estratti di piante antinfiammatorie come l’arnica o l’artiglio del diavolo potrebbe alleviare il tuo dolore e riscaldare i muscoli interessati che lo provocano. Un altro rimedio semplice ed efficace è quello di riscaldare l’area interessata: a tal proposito, ad esempio, si può coprire il collo con un tessuto riscaldato o semplicemente con un bagno o una doccia calda.

Accompagnare queste pratiche con delle tisane rilassanti potrebbe rendere più efficaci questi rimedi e bloccare l’insorgere del problema in futuro. Per la sinusite, ad esempio, è consigliato annusare un panno imbevuto d’aceto o berlo mescolandolo con dell’acqua.

È doveroso precisare che per mal di testa persistenti e continui e sempre meglio rivolgersi al vostro medico per scongiurare la presenza di patologie o problemi gravi.